Costruire una Brand Identity: guida per definire l’identità aziendale

La creazione di una brand identity è essenziale per distinguersi sul mercato. Scopri come creare una brand identity di successo in 5 step!

248
Costruire una Brand Identity di successo

L’elaborazione di un’identità aziendale e di un marchio distintivo è fondamentale per guadagnare la fiducia del pubblico e per emergere con autorevolezza nel mercato di riferimento. Che si tratti di un brand emergente o di un’entità già consolidata, l’istituzione di una brand identity si rivela cruciale per delineare una strategia di comunicazione uniforme su ogni punto di contatto, sostenendo così una strategia di marca orientata al successo.

Grazie alla nostra competenza nel design dell’identità di marca, ti sosteniamo nel posizionarti in un preciso segmento di mercato e nell’engagement dei tuoi clienti per generare un’affinità verso il tuo brand. Come? Evidenziando i tuoi punti di forza e rendendoti immediatamente riconoscibile!
Di seguito, una guida esaustiva per creare un’identità di marca in 5 fasi e divenire un punto di riferimento per i tuoi appassionati del brand.

Cos’è la brand identity: definizione e significato

L’identità di marca comprende tutti gli elementi visivi di un marchio, stabilendo una comunicazione visiva aziendale prontamente riconoscibile nella mente dei consumatori. Il brand design si sviluppa per riflettere i valori, la personalità e gli obiettivi dell’azienda.

L’elaborazione di un’identità visiva aziendale è cruciale per narrare il marchio mediante i suoi prodotti e racconti, stabilendo un rapporto empatico con il pubblico e le sue necessità. Di seguito, i benefici di una corporate identity chiaramente delineata:

  • Possibilità di declinare i contenuti in modo pratico su ogni touchpoint

I CMS permettono di creare e gestire contenuti in modo centralizzato, che possono poi essere distribuiti su diversi canali, come il sito web, i social media, l’email marketing, ecc. Questo consente di garantire la coerenza dei contenuti su tutti i canali, evitando errori e incongruenze.

Ad esempio, un’azienda di moda può utilizzare un CMS per creare un catalogo online dei suoi prodotti, che può poi essere condiviso sui social media e nelle email marketing. In questo modo, i clienti possono visualizzare gli stessi contenuti su tutti i canali, indipendentemente da come interagiscono con l’azienda.

  • Si velocizza il processo di editing fotografico

Alcuni CMS integrano strumenti di editing fotografico, che consentono di modificare e ottimizzare le immagini in modo rapido e semplice. Questo può liberare tempo e risorse ai team di marketing e comunicazione, che possono concentrarsi su attività più strategiche.

Ad esempio, un’azienda di servizi può utilizzare un CMS per creare un blog aziendale, che può essere arricchito con immagini e video. In questo modo, i contenuti del blog possono essere pubblicati più rapidamente e facilmente.

  • Acquisisci maggiore coerenza visiva e comunicativa tra digital e offline

I CMS consentono di creare un’identità visiva e comunicativa coerente su tutti i canali, sia online che offline. Questo aiuta a rafforzare il brand e a creare un’esperienza di marca più coinvolgente per i clienti.

Ad esempio, un’azienda non profit può utilizzare un CMS per creare un sito web e un materiale cartaceo che condividano gli stessi elementi visivi e il medesimo tono di voce. In questo modo, i clienti possono riconoscere il brand indipendentemente dal canale attraverso cui interagiscono con esso.

  • Ti aiuta a definire un TOV chiaro

I CMS possono aiutare a definire un TOV (tone of voice) chiaro, che sia coerente con l’identità del brand. Questo aiuta a comunicare in modo efficace con i clienti e a creare un rapporto di fiducia.

Ad esempio, un’azienda di tecnologia può utilizzare un CMS per creare un sito web e un materiale di marketing che utilizzino un linguaggio semplice e diretto. In questo modo, i clienti possono comprendere facilmente i prodotti e i servizi dell’azienda.

  • Aumenta il tuo conversion rate

I CMS possono aiutare a migliorare il conversion rate di un sito web o di una campagna di marketing. Questo è possibile grazie alla possibilità di creare contenuti personalizzati e di misurare il ROI delle attività di marketing.

Ad esempio, un’azienda di e-commerce può utilizzare un CMS per creare un sito web che suggerisca prodotti correlati a quelli che i clienti hanno visualizzato in precedenza. In questo modo, è possibile aumentare le probabilità che i clienti effettuino un acquisto.

La Corporate Brand Identity secondo Jean-Noël Kapferer

Jean-Noël Kapferer, un ricercatore statunitense di grande prestigio e riconosciuto come uno dei massimi esperti nel campo della gestione strategica del marchio, ha rivoluzionato e ampliato in modo significativo il concetto di corporate brand identity nel lontano 1966. Nato nel cuore degli Stati Uniti, Kapferer ha sempre mostrato una spiccata inclinazione per il marketing e la comunicazione di marca, un interesse che lo ha portato a diventare un autore di fama internazionale e un punto di riferimento per chiunque si occupi di brand management.

La sua teoria dell’identità del marchio si basa su sei elementi fondamentali, ognuno dei quali gioca un ruolo cruciale nel definire e plasmare l’immagine e la percezione del marchio da parte dei consumatori. Questi sei elementi, che Kapferer ha sapientemente identificato e delineato, sono rappresentati in un prisma dinamico, un modello tridimensionale che simbolizza la loro interconnessione continua e l’influenza reciproca.

Il prisma di Kapferer, come è comunemente noto nel mondo del branding, è un modello visivo molto potente per comprendere le dinamiche complesse che stanno alla base della costruzione dell’identità di un marchio. Il processo non è statico, ma dinamico e fluido, in continua evoluzione e adattamento in risposta alle mutevoli esigenze e aspettative del mercato e dei consumatori.

Questo modello evidenzia come ogni elemento dell’identità del marchio – dalla sua personalità, al suo posizionamento nel mercato, alla sua relazione con i consumatori, alla sua immagine, alla sua cultura e alla sua riflessione – sia strettamente interconnesso con gli altri.

Nell’interpretazione di Kapferer, non si può modificare un elemento senza influenzare gli altri, sottolineando così l’importanza di un approccio olistico alla gestione del marchio. Jean-Noël Kapferer è riuscito a spiegare in maniera eloquente e convincente l’importanza di un’identità del marchio forte e coerente, e il suo modello del prisma dell’identità del marchio è ancora oggi considerato un riferimento fondamentale nel campo del branding e della gestione strategica del marchio. La sua visione innovativa ha aperto la strada a nuovi modi di pensare al branding, influenzando profondamente le strategie di gestione del marchio di numerose aziende in tutto il mondo.

Differenza tra Brand Identity e Visual Identity

Le espressioni “identità di brand” e “identità visiva” sono frequentemente utilizzate nel settore del branding e del marketing, tuttavia, il loro uso può talvolta essere improprio, con i termini erroneamente considerati sinonimi.

Ne deriva che la visual identity rappresenta solamente un aspetto della brand identity, che manifesta non solo l’identità visiva dell’azienda, ma anche la sua storia, personalità, valori, visione e tonalità di voce.

Differenza tra Brand identity e Brand Image

La distinzione tra brand identity e brand image si radica in una questione di prospettive. La brand identity allude all’immagine che l’entità aziendale o individuale aspira a trasmettere al pubblico, mentre la brand image riflette la percezione del consumatore riguardo al marchio. Discorrendo infine di brand awareness, ci si riferisce a un indicatore numerico che quantifica la ricerca, la popolarità e la presenza del brand nel mercato.

Come creare una brand identity aziendale in 5 step

Costruire l’identità del marchio implica prima di tutto capire chi si aspira ad essere e quali sono le proprie mete, per poter narrare efficacemente il proprio brand e i relativi prodotti. Senza questi elementi fondamentali, l’intero processo di acquisto potrebbe essere pregiudicato, rendendo arduo guadagnare l’attenzione e la fiducia dei consumatori.

Definire chi sei e i tuoi obiettivi

Il primo passo nella creazione dell’identità del marchio è avere una visione chiara degli obiettivi e definire una filosofia del marchio mirata a generare valore per l’azienda e il suo pubblico di riferimento. Raccolta di informazioni, dialogo e comprensione dei tuoi prodotti e servizi sono fondamentali in questo processo.

  • Chi sei e cosa vuoi rappresentare?
  • A chi ti rivolgi?
  • Qual è la tua proposta di valore?
  • Su quali valori stai costruendo il tuo business?
  • In che ambito stai operando e quali sono i tuoi competitor?
  • Che problemi ha la tua audience e come intendi risolverli?

Ottenere risposte precise a queste interrogative favorirà la delineazione del tuo progetto e lo sviluppo di un’identità di marca creativa ed unica. Aspira a mete elevate, immagina in grandezza.

In che mood sei?

Irriverente, creativo, freddo, giocoso, professionale, retrò, istituzionale: come desideri interagire con i tuoi clienti? La creazione di un moodboard è il secondo passo nella costruzione dell’identità di un marchio, rappresentando visivamente il tuo progetto: collezioniamo immagini, suggerimenti e idee, delineiamo l’atmosfera, lo stile e il tuo tono di voce, tutto contenuto in un singolo risultato strategico. I nostri professionisti creativi ti ascoltano attentamente, permettendo a ogni tua esigenza di ispirarli.

Il naming: un brainstorming di creatività

Ora che comprendiamo la tua visione e il tuo messaggio, è il momento di dare vita al nome della tua azienda. È l’ora del brainstorming! Il nome di un brand riflette in modo eloquente e innovativo i suoi valori, e costituisce uno dei primi simboli visivi che lascia un’impronta duratura nei pensieri dei consumatori. Attraverso la nostra expertise in naming, possiamo sviluppare per te parole creative, penetranti, snelle e uniche, combinandole in un’esplosione semantica di giochi di parole per produrre un elenco di nomi efficaci per il tuo business. Naturalmente, ci assicuriamo che il tuo nuovo marchio sia distintivo nel mercato!

Logo design e colori

La creazione di un logo incorpora funzionalità, creatività e scalabilità. Sia che si tratti di un logotipo basato esclusivamente su testo o di un pittogramma, progettiamo il tuo logo innovativo attraverso la selezione di caratteri o lettering personalizzati, visualizzazioni originali che si adattano facilmente a tutte le piattaforme proprietarie, sia offline che online. Approfondiamo la psicologia del colore per scegliere le tonalità più pertinenti al tuo business, sperimentando con combinazioni di forme, linee e palette cromatiche per suscitare le risposte più efficaci. Sfruttando studi avanzati e analisi precise, creiamo loghi che incarnano interpretazioni visive potenti del tuo brand.

Visual identity

Packaging, vetrofanie, materiali POP, brochure, menù, gadget: la tua brand identity è ora pronta per essere stilizzata e coordinata, rispecchiando la filosofia del marchio nelle tue comunicazioni offline ed evocando un look & feel distintivo. Non solo! Ci occupiamo anche della tua presenza online, sviluppandola attraverso colori e disegni specifici, definendo feed dinamiche e adattando la tua immagine a ciascuna piattaforma web.

Brand identity: esempi di successo

I distintivi archi dorati di McDonalds, l’indimenticabile rosso Coca Cola con carattere bianco e la mela Apple, omaggio all’ingegno di Isaac Newton, sono esempi emblematici di una brand identity efficace e istantaneamente riconoscibile. Anche noi in Brainpull apprezziamo la creazione di loghi suggestivi e identità di marchio inconfondibili, riconoscibili in un istante. Dai uno sguardo!

Il video branding per raccontare l’identità di un brand: il caso Moma Shoes

Il video branding è uno strumento di marketing di indiscutibile efficacia per lo sviluppo dell’identità del marchio, permettendo la diffusione dei valori, delle emozioni, della storia e degli attributi che rendono un brand unico nel panorama di mercato.

Per illustrare l’unicità del metodo artigianale di lavorazione delle scarpe, che include vari lavaggi e trattamenti per garantire la resistenza, ammorbidire i tessuti e creare un effetto di scarpe uniche e pre-usate, abbiamo prodotto un video di marca in cui le storie individuali dei protagonisti simboleggiano la personificazione delle calzature che indossano. Vite in un mondo che ci lancia continuamente in nuove avventure, dove apprendiamo a mantenere l’equilibrio adeguandoci al mondo in movimento. Mantenendoci sempre al passo.

Abbiamo così stabilito un’interazione personale con il pubblico, rendendo la comunicazione visiva di Moma Shoes più affettiva, intimista ed empatica. Raccontiamo una storia manoscritta sulle imperfezioni, sull’individualità e sui percorsi intrapresi da ognuno di noi. L’identificazione nel prodotto serve a narrare la propria identità e a calzare un comfort che rispecchia il ritmo dei nostri passi.

Brand identity design

Nell’eventualità che l’impresa non sia di nuova costituzione, potrebbe sorgere la necessità di rivisitare la propria identità visiva o l’azienda potrebbe non sentirsi più rispecchiata nei propri contenuti visivi.

Competere nel mercato con un logo antiquato e un’identità aziendale stilisticamente ancorata al passato può rendere i prodotti dell’azienda percepiti come obsoleti e non allineati ai tempi attuali. Con il nostro restyling, sia sottile che radicale, offriamo l’opportunità di rigenerare la tua identità di marca e di potenziarne la riproducibilità in una prospettiva più adatta al web.

Rebranding

Qualora un’impresa percepisca la necessità di reinventarsi nel mercato, di trasformare radicalmente la propria immagine di marca o di riconsiderare la propria identità a seguito di un’espansione commerciale, entra in gioco una strategia di rebranding. Sia esso evolutivo o rivoluzionario, il processo di ristrutturazione strategica dell’identità di marca aziendale è spesso inevitabile: rimanere statici nel tempo è un rischio, dato che si evolvono i consumatori e i loro gusti, i mercati, i concorrenti e i prodotti stessi.

Visual hammer

In un solo giorno, gli utenti navigano su internet per una distanza equivalente all’altezza del Big Ben. Con limitati livelli di attenzione e pochi secondi per catturare l’interesse dei potenziali clienti, come possiamo guadagnare la loro attenzione e ottenere un momento per essere ascoltati? Secondo l’esperta di marketing, Laura Ries, che ha introdotto il termine, il ‘visual hammer’ rappresenta un contenuto altamente distintivo, che imprime un’idea potente nella mente del consumatore, stimolando il suo subconscio e suscitando le sue emozioni.

Creare un visual hammer implica evocare un brand istintivamente nella mente dell’osservatore, permettendo un’associazione immediata tra la marca e un contenuto visivo o uno slogan distintivi e inconfondibili. Pensate a un’immagine di un panino di pesce sul litorale: vi suggerisce qualcosa?