quando inviare newsletter e dem

Una domanda che si pone spesso chi si occupa di comunicazione e marketing è: in quale periodo dell’anno, in che giorno della settimana e a che ora l’invio di una email può garantire un miglior risultato, avendo maggior impatto sul destinatario?

Newsletter o DEM: qual è lo strumento più efficace?

Quali sono gli strumenti più efficaci tra newsletter e DEM? Il tipo di destinatario è rilevante? E il settore in cui opera può incidere sul tasso di apertura?

Queste sono tutte domande estremamente importanti per poter compiere azioni di Email Marketing in modo efficace e raggiungere il proprio target con il miglior tempismo.

Stagionalità: I messaggi inviati durante l’anno

In generale

L’attività di invio delle aziende risulta minore durante i primi mesi dell’anno, mentre risulta essere nettamente più consistente durante ultimi mesi: oltre il 9% del totale degli invii avviene mensilmente, nei mesi compresi tra settembre e dicembre (inclusi), con al primo posto il mese di ottobre (10,79%).

Agosto è un caso particolare, segna un picco negativo tra i mesi luglio e settembre con un 6,3%, in linea però con i mesi di gennaio e febbraio.

Tasso di Apertura di newsletter e DEM

Il tasso di apertura procede invece in maniera inversa a quella degli invii: le aperture presentano un calo durante gli ultimi mesi dell’anno, in coincidenza dell’aumento dei volumi di invio rilevato precedentemente.

Le aperture risultano maggiori dove il volume di invio è minore: Nel mese di gennaio – dove registravamo il minor numero di email inviate nei 12 mesi – si può avere il tasso di apertura maggiore (31,8%).

In agosto, i volumi di invio ridotti corrispondono a un tasso di aperture inferiore alla media (23,7%).

Le differenze di audience

Prendendo in considerazione le audience B2B, B2C e Misto, si può notare che i volumi risultano distribuiti in maniera molto simile.

La differenza più marcata si identifica nel mese di agosto, dove è possibile notare una pronunciata differenziazione tra le diverse audience: 4,6% nel B2B, 5,8% nel settore misto e 7,1% nel B2C.

Per quanto riguarda l’andamento nei vari mesi, le tre audience considerate hanno un comportamento simile: le performance migliori si hanno tra gennaio e febbraio, mentre quelle peggiori in agosto.

Quando inviare newsletter e DEM: giorno della settimana e orario

In generale

Considerati tutti gli invii complessivamente, si evince che l’attività è più intensa la mattina, per poi calare fino alle 13.00 e rimanere stabile fino alle ore 19.00.

Guardando gli invii durante tutta la settimana, si nota una maggior concentrazione nei giorni feriali, con un sensibile calo durante il weekend.

In base all’audience

Nel settore B2B, si rilevano volumi maggiori dal lunedì al venerdì, a discapito del fine settimana.

Il canale con i maggiori volumi di invio durante il weekend è il B2C (50% il sabato e 55% la domenica), mentre il misto domina i giorni della settimana, catalizzando circa il 50% dei messaggi inviati.

Il B2B, dal lunedì al venerdì, presenta tempi di apertura molto contenuti mentre le altre audience presentano tempi di apertura più dilatati. Il venerdì il canale B2B amplia in maniera vistosa i tempi di apertura attorno alle 17, mentre nel weekend ottiene tempi di apertura molto ampi.

Nel weekend è il B2C ad avere performance migliori, con tempi leggermente più bassi delle altre due audience.

L’invio di Newsletter è più intenso la mattina per poi decrescere e risalire nel tardo pomeriggio; le DEM presentano un solo picco, nelle ore del mattino all’interno della settimana lavorativa mentre nel weekend i loro volumi decrescono più velocemente. Il misto presenta un andamento piuttosto simile a quello delle DEM.

Newsletter e DEM presentano tempi di apertura abbastanza simili, senza particolari differenze tra i giorni della settimana. Il weekend presenta tempi globalmente più lunghi.

1 commento
  1. Brain Andreozzi
    Brain Andreozzi dice:

    With havin so much written content do you ever run into any issues of plagorism or copyright infringement? My blog has a lot of unique content I’ve either written myself or outsourced but it seems a lot of it is popping it up all over the internet without my agreement. Do you know any ways to help stop content from being stolen? I’d certainly appreciate it.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *